hyundai-vicinotitoli

BELGIUM IS DESIGN

THE TOOLBOX

Facebook

Login with Facebook
cerca nel sito Cerca nel sito
agenda personale Agenda Personale

Gestisci e stampa gli eventi che hai segnato nella tua agenda personale.
> vai all’agenda personale

agenda personale Inserisci Evento

Pubblica gratuitamente tutte le informazioni riguardanti il tuo evento, sia sul sito che sulla guida per cellulare, previa registrazione al sito. Puoi inserire anche i comunicati stampa con relative immagini.
> www.fuorisalone.it/business

cerca comunicato Cerca Comunicato

Cerchi il comunicato stampa di un preciso evento?
Sceglilo dal menù a tendina qui sotto.


       - ACCEDI ALL'AREA PRESS -

PROMOSSO DA:
LOCATION:
INDIRIZZO:
ZONA:
CATEGORIE:

BELGIUM IS DESIGN
Triennale
via alemagna, 6
Cadorna-triennale
Design (generale) + Prodotto + Illuminazione

GIORNI:

08 | 09 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14

The Toolbox è il titolo della mostra che si svolge negli spazi della Galleria C della Triennale nonché il tema che introduce i nove giovani designer belgi presenti al SaloneSatellite.

 

Questo spaccato sul design contemporaneo e le diverse sfaccettature che compongono la sua industria, è anche un omaggio a Henry van de Velde (3 aprile 1863 – 15 ottobre 1957), artista, designer, architetto belga e europeo ante litteram, la cui opera ha indubbiamente  contribuito alla fondazione dei modelli economici e culturali del design moderno. Quest’anno ricorre infatti il 150° anniversario della sua nascita, che verrà celebrato con una serie di eventi in Belgio, tra cui la vasta retrospettiva “Passione - Funzione - Bellezza” al Museo del Cinquantenaire di Bruxelles dal prossimo 13 settembre. 

 

Il design è ricerca, creatività e innovazione, ma significa anche ‘saper-fare’ produttivo, capacità tecniche di fabbricazione, lavoro e impiego. E, per rendere onore a tali aspetti, oltre a presentare prodotti nuovi o recenti progettati e realizzati in Belgio - in questo settore la collaborazione interregionale è esemplare -, il tema di quest’anno intende enfatizzare il legame vitale tra designer, laboratori, piccole e medie aziende manifatturiere, come veri incubatori del design.

 

L’alleanza e la cooperazione tra designer, artisti, artigiani, industriali e intellettuali è ancora essenziale per l’evoluzione di una cultura delle arti industriali. Un legame concettuale e pragmatico, che incorpora la teoria della bellezza funzionale, la definizione di oggetti onesti e il ruolo etico e strutturale dell’‘ornamento puro’. E che contempla altresì la nozione pionieristica di progetto globale e interdisciplinare (architettura, arredo, tessile, abbigliamento, bigiotteria, rilegatura, grafica e pittura)…

 

Come testimonieranno gli oggetti in mostra, l’eredità di Henry Van de Velde non è rimasta sigillata in un archivio polveroso, ma è più che mai vivente: nel ruolo assegnato ai designer, nella volontà di valorizzare il reticolo di talenti creativi, produttivi e artigianali locali. E nello sforzo di affermare l’autenticità e trasparenza di un prodotto, rivelandone il processo di produzione. In altre parole, l’intenzione è di rendere più credibile e auspicabile la definizione di uno scenario industriale e creativo interregionale, forte della sua diversità.

 

In tal senso, questa ‘cassetta degli attrezzi’ (toolbox) del design belga, filo conduttore della mostra in Triennale e dello stand collettivo di designer emergenti al Salone Satellite che, per la prima volta riunisce talenti di Bruxelles, Vallonia e Fiandra, è un documento che certifica la qualità e la tracciabilità del design progettato, fabbricato e prodotto in Belgio.

 

 

The Toolbox | La Triennale di Milano

 

Abbiamo bisogno di una struttura logica degli oggetti, la logica senza compromessi, la logica nell'uso del materiale pieno di sincerità e di orgoglio di mostrare il processo di creazione.

 

(Henry van de Velde, estratto di una conferenza, 1903)

 

La mostra si svolge in due sezioni diverse ma inestricabilmente connesse al fine di richiamare la relazione tra il ‘fare’ e il ‘vivere’ un prodotto di design.

 

Disposta contro i muri dello spazio espositivo, come le quinte di un teatro, la ‘toolbox’ è una sorta di gabinetto delle meraviglie in cartone alveolare, una banca dati tridimensionale del design in Belgio. Dalla tecnica della curvatura del legno o del metallo, alla tessitura, fino al vetro colato, da un lato la scatola contiene strumenti, dettagli, elementi e modelli di fabbricazione forniti dalle aziende partecipanti; mentre dall’altro, presenta matrici, campioni, prototipi e stampi che simbolizzano la ricerca condotta dai designer su nuove tecniche e materiali.

All’interno di questa selezione è presente anche Opalis, un sito internet creato dal gruppo di designer e architetti Rotor: una guida dei fornitori di materiali edili di scarto, a indicare come la nozione aggiornata di ‘strumento’ includa anche i servizi sostenibili.

 

Oltre a presentare una selezione di atelier di designer e di reparti specializzati all’interno delle aziende, questo spazio è consacrato a svelare per la prima volta l’expertise di una serie di aziende manifatturiere il cui contributo è fondamentale per la qualità del design in Belgio.

 

 

Vivere in una società di oggetti disonesti non è meno pericoloso di vivere in una società di persone corrotte.
(Estratto da Henry Van de Velde, Pages de Doctrine, 1929)

 

Nello spazio centrale della sala domina il ‘living-room’: letteralmente un luogo di vita che interconnette, come in un puzzle, i 46 partecipanti con i loro prodotti in un quadro multifunzionale e caloroso contenente mobili, lampade, arredo tavola, tessuti, tappeti, carta da parati e accessori vari.

In questo paesaggio di oggetti animati dalla loro stessa interazione, lo scenario domestico invita i visitatori a vivere l’esperienza della relazione e del confronto tra persone e cose, designer e industria, e tra livelli diversi e complementari nei quali operano queste realtà.

 

Il ‘living-room’ rappresenta una vasta selezione di oggetti progettati e prodotti in Belgio. Con una sola eccezione: il binomio Xavier Lust e Ateliers Georis che, grazie a una sorta di simbiosi umana e professionale, sin dall’anno 2000, vede il laboratorio nella provincia di Liegi come l’unico in grado di fabbricare in esclusiva le ben note ‘superfici piegate e (de)formate’ per tutte le aziende internazionali che producono e distribuiscono i prodotti di Lust.

 

Una rassegna di prodotti, processi ed eccellenza tecnica, la mostra in Triennale e lo stand collettivo al SaloneSatellite contribuiscono a creare un ritratto del ‘savoir faire’ del design in Belgio nella produzione di oggetti semplici e onesti, ironici e misurati, etici e autentici, proprio come auspicava Henry van de Velde.

 

In occasione dell’apertura, la documentazione di entrambi sarà contenuta in un catalogo tascabile, insieme all’ormai nota Belgian Design Map. Il sito www.belgiumisdesign.be è disponibile sin d’ora.

add to agenda

IL DESIGN BELGA & L'ARTE DEL FARE: UN TRIBUTO A HENRY VAN DE VELDE

Calcola il percorso più semplice per raggiungere l'evento in bicicletta | Powered by milanobikedistrict.org

Rotate Street View
fotoFoto Evento

Guarda tutti gli scatti dei nostri E.Reporters relativi a questo evento.

marangoni interne
intel interne
designjunction
ADesignerADay
designmood interne
Zonak
Scavia
spazio la porta verde
MAINSPONSOR:

main sponsor asus hyundai vodafone
SPONSOR:

sponsor tecnico goldenpoint designmood riso di pasta
INSTITUTIONAL PARTNER:

sponsor tecnico
PARTNER:

partner